A

Alba Parietti

Alba Antonella Parietti è figlia di Francesco, un partigiano piemontese originario delle Langhe poi chimico, il cui nome di battaglia era Naviga[2] e di Grazia Dipietromaria, pittrice e scrittrice. Deve il suo nome alla città di Alba, prima città piemontese a essere liberata nel 1945, e crebbe nel quartiere torinese di Madonna del Pilone, dove racconta di aver avuto compagno di asilo ed elementare il futuro giornalista Marco Travaglio.

Frequentò quindi il liceo artistico statale e successivamente fece l’ingresso nel mondo delle radio locali. L’esordio nello spettacolo avvenne nel 1977, in un teatro locale, in L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde. Nel 1978 partecipò a Miss Italia non arrivando però alle finali.